San Michele

CAMMINO DI CAMMINI

Comitato Promotore San Michele Cammino di Cammini

LA LEGGENDA DELLA LINEA SACRA MICAELICA

“SCOPPIÒ QUINDI UNA GUERRA NEL CIELO: MICHELE E I SUOI ANGELI COMBATTEVANO CONTRO IL DRAGO. IL DRAGO COMBATTEVA INSIEME CON I SUOI ANGELI, MA NON PREVALSERO E NON CI FU PIÙ POSTO PER ESSI IN CIELO” APOCALISSE 12, 7-8
Migliaia sono i luoghi di devozione dell’Arcangelo San Michele, centinaia le grotte, ma sette si trovano su una linea retta che va dall’Irlanda a Israel. E' la Linea Sacra Micaelica immaginata dalla devozione medievale, venerata dai Templari e riconosciuta dai Papi. Una linea che risulta in perfetto allineamento con il tramonto del sole il giorno del solstizio d’estate.
Una linea che risulta in perfetto allineamento con il tramonto del sole il giorno del solstizio d’estate.
Si dice che che questa linea immaginaria rappresenti il colpo di spada con cui San Michele rispedì il diavolo all’inferno.
Da Roma al Gargano

Con Matteo Gamerro sulla sua joelette per gli ultimi 380 km del Cammino di San Michele dedicati alla Pace!

La linea comincia da Skellig Michael in Irlanda, tocca la Cornovaglia a Saint Michel’s Mount e continua a Mont-Saint-Michel-au-péril-de-la-Mer in Normandia.
1000 km più a sud est, lungo la Linea c’è la Sacra di San Michele in Val di Susa. Altri 1000 km e siamo a Monte Sant’Angelo sul Gargano, al santuario ricavato nella grotta dove San Michele pare sia apparso per la prima volta.
La Linea Sacra continua, passando poi per Simi, isola greca davanti all’Anatolia, dove il monastero di San Michele è sorto sulle vestigia del tempio di Apollo. Infine giunge al Monte Carmelo vicino a Haifa, in Israele, luogo venerato dalle tre religioni del Libro e in cui sorge il monastero Stella Maris fondato dai Bizantini come santuario dedicato a San Michele.
Se si allunga ancora, la Linea arriva anche alla valle dell’Armageddon dove - secondo una interpretazione dell’Apocalisse di Giovanni - si terrà lo scontro finale tra le forze del Male e quelle del Bene guidate dall’Arcangelo Michele.

Dal Gargano alla Sacra passando per Roma

Tutto cominciò nel Gargano, anzi, con Gargano, arciere provetto, incapace di colpire con le sue frecce un grande toro bianco cui dava la caccia. La caccia finì davanti ad una grande grotta in cima ad un monte con 2 l’ultima freccia che tornò indietro e colpì ad un occhio il povero Gargano. San Michele l’aveva deviata, sognò il vescovo di Siponto che salì al monte nel primo pellegrinaggio ripetuto poi per secoli da miriadi di devoti.
Era il 492 DC di lì a poco l’arcangelo guerriero, che con la grande spada sguainata protegge gli uomini dal Male e i pellegrini dalle insidie del Maligno e i transumanti dai pericoli per le greggi, diventa il simbolo della conversione dei Longobardi appena arrivati in Italia. San Michele sostituisce Odino mantenendone però lo spirito guerriero. I pellegrinaggi si moltiplicano e re e guerrieri devoti arrivano anche da lontano ed il culto di san Michele si sparge per l’Italia e per l’Europa. Fino ai freddi mari del Nord. E fino a quando le Crociate fecero del passaggio dalla grotta del Gargano uno dei momenti più significativi del viaggio verso la Terra Santa. Da sud est a nord ovest dall’altra parte della penisola all’inizio della val di Susa la Sacra di San Michele imponente costruzione sul monte scosceso fa la guardia a chi, scendendo le Alpi, sta per entrare nella fertile pianura. Da lì passavano i pellegrini che scendevano da Santiago con la Conchiglia di Compostela e i Cavalieri dalla Francia e da Mont Saint Michel per andare a Gerusalemme passando da Roma. Da Castel Sant’Angelo. A Roma ricevevano le Chiavi Incrociate di San Pietro prima di raggiungere la agognata Palma a Gerusalemme.
“SI PUO’ FARE.”
Matteo Gamerro il Primo Pellegrino sul Cammino di San Michele
Linea Micaelica

CAMMINO DI SAN MICHELE

1210
Chilometri
10
Regioni
350
Comuni
90
Parchi e Aree Protette

Réseau Européen des Sites et des Chemins de Saint-Michel

Il Cammino di San Michele è entrato ufficialmente a far parte della Réseau Européen des Sites et des Chemins de Saint-Michel, l’associazione francese che raccoglie e unisce i percorsi in Europa dedicati all’arcangelo e che attraversano Irlanda, Gran Bretaglia, Spagna, Portogallo, Francia, Belgio e Germania. Una rete che è soprattutto un inno al turismo lento, al viaggio inteso come esperienza profonda e inclusiva, alla scoperta della bellezza che ci circonda.

SOSTIENI IL CAMMINO DEI CAMMINI

CAMMINO DI SAN MICHELE
Notizie Eventi

IL CAMMINO DI SAN MICHELE

cammino di san michele

Comitato Promotore San Michele Cammino di Cammini

Rimani aggiornato sullo stato del progetto